Archivi tag: Cantina Ferracane

Matrioska

La “Chiave Suprema” è il titolo di un libro che sfiora la leggenda, imputato com’è d’aver portato alla fortuna e al successo uomini d’affari, pensatori e politici di fama mondiale.

Si tratta di una serie di lezioni settimanali e una delle prime recita:

Desidero che prendiate un oggetto e percorriate a ritroso la strada della sua origine per vedere in cosa esso consiste realmente (…) sono in pochi a sapere che le cose che vedono rappresentano solo gli effetti e a comprendere le cause che hanno permesso a tali effetti di essere portati sul piano dell’esistenza … 

Ora, senza approfondire se questo o altri suggerimenti mantengano ciò che promettono, è comunque indubbio che, ad uno sguardo attento e curioso, il nostro mondo non sia altro che una meravigliosa e infinita matrioska. Certo non è comune, mentre si ascolta una chitarra, per esempio, pensare alle mani che l’hanno modellata, al metallo che fornisce le corde, al legno, agli alberi da cui deriva e via via fino alla estreme conseguenze che ci portano a quell’uomo che per primo ha pizzicato le corde tese da un’estremità all’altra di un arco.

Succede, però, che le persone che vivono di passione conoscano ciò che amano fare ben al di sotto della superficie e incontrarle significa percorrere con loro una nuova e, fino a quel momento sconosciuta, strada a ritroso.

In questo modo molti cari amici, nel tempo, hanno trasformato la nostra percezione del vino da una semplice bevanda ad un universo. Tra loro Federico, gestore e proprietario dell’enoteca “Giro di Vite”  e Silvia, approdati dall’Emilia in Sicilia in vacanza enogastronomica. Durante questi giorni abbiamo avuto il privilegio di essere accompagnati dalle loro parole nei micro mondi che partono da un bicchiere, attraversano persone e azioni fino a giungere alla pianta, al frutto, al sole che lo colora e ancora più giù, alle radici che affondano in una particella di terra diversa da ogni altra.

Foto tratta dal sito “Cantina Ferracane”

É uno splendido viaggio e siamo sempre grati di tutte le occasioni che la vita ci offre di imparare e di scoprire perché…

quando il pensiero viene allenato a guardare al di sotto della superficie, tutto assume un aspetto diverso … 

Grazie, quindi, ragazzi e benvenuti nel registro degli ospiti.

Imprese eroiche

IMG_3685a

“Siete degli eroi!”
La ragazza dietro al bancone di “Vino e dintorni” é simpatica e sincera e si rivolge proprio a noi che, impegnati a degustare vino e ad assaggiare pasticcini, non sembriamo, a dirla tutta, proprio degli eroi…
Anna e Paolo, che hanno fatto il giro del mondo, qualche motivo in più per sentirsi degni di tale appellativo forse l’avrebbero ma l’ammirazione che ci viene tributata questa volta non ha nulla a che fare con le barche.
Il fatto é che siamo a Scicli, ad una degustazione dei vini della cantina Ferracane. Abbiamo conosciuto poco tempo fa i proprietari, così non abbiamo perso l’occasione di passare a salutarli.
E proprio qui entra in gioco l’impresa “eroica” perché i 14 km che separano il porto dalla cittadina barocca li abbiamo percorsi in bicicletta e, cosa che stupisce ancor di più la nostra simpatica amica, dovremo ripercorrere la stessa strada al ritorno, di sera, col buio.
Penso agli anni di cicloturismo austriaco e mi viene da sorridere…
Vino e pasticcini, comunque, sono ottimi e Scicli, al tramonto, é un’esplosione di rosa e dall’alto della chiesa di S. Matteo,

IMG_3680

le casine con i tetti uguali, illuminate dalla fioca luce gialla dei lampioni, sembrano proprio quelle del presepe.

IMG_3681

Come al solito, uno spettacolo!
E, presenti o no, all’incanto che ammalia noi comuni mortali, di sicuro, non potrebbero sfuggire neppure dei veri eroi.

IMG_3671
Buco diurno

 

Ps. Desideroso di un po’ d’avventura Paolo sfoggia la sua abilità di riparatore di gomme bucando sia all’andata che al ritorno!!

IMG_3688
Buco notturno